17 giugno 2019 ore: 16:52
Welfare

Borse di studio, in Toscana assegnate 14mila in un anno

Un ritocco all'insù alle borse di studio universitarie, investimenti sulle case degli studenti che vedranno aumentare i posti a disposizione, assegni più pesanti nei contributi per gli affitti. Queste le misure nell’ambito del progetto regionale Giovanisì

FIRENZE - Un ritocco all'insù alle borse di studio universitarie, investimenti sulle case degli studenti che vedranno aumentare i posti a disposizione, assegni più pesanti nei contributi per gli affitti, assegnati a chi vince una borsa di studio ma non trova posto negli alloggi e deve cercare una sistemazione sul mercato. E poi i trasporti pubblici, con la conferma a Firenze della sperimentazione di tariffe agevolate (appena 48 euro l'anno per l'intera area urbana) e l'intenzione di stipulare convenzioni simili, per acquistare abbonamenti mensili o annuali a prezzi scontati, a Siena e Pisa. Le misure rientrano nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

Sono le principali novità degli indirizzi della giunta regionale all'Azienda per il diritto allo studio universitario. "Un modo concreto – sottolinea la vice presidente della giunta regionale, Monica Barni – per dimostrare come la Toscana tenga all'alta istruzione e voglia continuare a garantire l'accesso all'università anche a chi ha minori disponibilità economiche".

Per quanto riguarda le borse di studio, sono state 14.622 quelle assegnate in questo anno accademico, giunto quasi al termine. Ed anche stavolta la Toscana ha confermato il proprio record: tutti gli studenti idonei per requisiti di reddito e merito, nessuno escluso, ne hanno potuto beneficiare, senza alcuna lista di attesa. Nel dettaglio sono state 5.300 le borse dispensate nell'ateneo di Firenze, 5.845 a Pisa e 3.477 a Siena. Il 70 per cento dei borsisti è costituito da studenti fuori sede, toscani e non, che provengono da aree distanti dalla sede universitaria cui sono iscritti e che necessitano pertanto di prendervi alloggi

 

© Copyright Redattore Sociale