9 febbraio 2019 ore: 12:14
Non profit

Toscana, il Terzo Settore protagonista delle scelte politiche

Il governatore Rossi lancia l’idea di una nuova legge sul Terzo Settore per rendere obbligatoria la co-progettazione tra istituzioni e associazioni prima di ogni scelta politica in ambito sociale
Jacopo Storni conferenza terzo settore toscana

FIRENZE – Una legge toscana sul Terzo Settore che renda obbligatoria la co-progettazione delle istituzioni insieme alle realtà del Terzo settore. A lanciare l’idea il governatore della Toscana Enrico Rossi durante la prima conferenza toscana sul Terzo Settore in corso al Mandela Forum di Firenze alla presenza di quasi mille tra volontari e funzionari di associazioni e di oltre 400 associazioni. L’idea della Regione è quella di creare una sorta di testo unico del Terzo settore per rendere più organiche le tante leggi già esistenti ma troppo frammentate. In sostanza, ogni volta che la Regione e gli enti pubblici progettano qualcosa, con la nuova legge dovranno confrontarsi col mondo del Terzo settore negli ambiti di sua competenza (dalla sanità al sociale, dallo sport alla cultura). Un confronto che non dovrà avvenire quando il progetto sarà già organico, ma quando il progetto è ancora in fase di programmazione. In questo modo il Terzo Settore avrà un ruolo non più soltanto consultivo, ma anche partecipativo. 

"Vorrei, prima di terminare la legislatura rimettere insieme tutti i pezzi del Terzo settore e riconoscere a questo settore il ruolo di protagonista nella co-progettazione con le istituzioni toscane ed in particolare con la Regione" ha detto il presidente della ToscanaEnrico Rossi annunciando. "La Toscanaha una forza enorme - ha detto Rossi - e noi non siamo per utilizzare il Terzo settore, noi siamo perché il terzo settore sia protagonista della progettazione, degli interventi, degli obiettivi che le istituzioni si pongono". Rossi, nello specifico, ha parlato di "momenti di confronto e di discussione con i diversi campi del Terzo settore che sono il volontariato socio-sanitario, quello organizzato nella protezione civile e quello di promozione che appunto sono i circoli, le Case del popolo”. 

Una nuova legge ampiamente condivisa anche dall’assessore regionale al sociale Stefania Saccardi, promotrice della conferenza toscana, che ha introdotto i lavori al Mandela Forum mostrando il discorso di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella parte in cui esalta il ruolo del volontariato e dice che “non dobbiamo aver timore di manifestare i nostri buoni sentimenti”. Presenti alla conferenza, tra gli altri, anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, la presidente nazionale del Forum terzo settore Claudia Fiaschi e il presidente del Cesvot (che ha collaborato all’organizzazione dell meeting) Federico Gelli. 

 

© Copyright Redattore Sociale