18 aprile 2018 ore: 17:22
Economia

Emporio di Prato, cala il numero delle famiglie assistite: 1.805 nel 2017

Nel corso del 2017 e' diminuito il numero delle famiglie assistite dall'Emporio della solidarietà di Prato, realtà promossa da Caritas diocesana, Provincia, Comune e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato. È quanto emerso nella presentazione ...

Nel corso del 2017 e' diminuito il numero delle famiglie assistite dall'Emporio della solidarieta' di Prato, realta' promossa da Caritas diocesana, Provincia, Comune e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato. È quanto emerso nella presentazione del Bilancio sociale 2017, illustrato questa mattina nell'auditorium dell'Istituto tecnico commerciale Paolo Dagomari alla presenza degli studenti a cui si sono rivolti la dirigente Maria Gabriella Fabbri, Silvia Bocci, della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, Matteo Biffoni, sindaco e presidente della Provincia di Prato, Marcello Turrini, curatore del bilancio sociale.

"Per la prima volta in dieci anni- si legge in una nota della diocesi di Prato- cala il numero delle famiglie assistite ma continua ad aumentare il valore dei prodotti distribuiti e la frequenza delle persone al supermercato solidale di via del Seminario". In particolare, il numero delle famiglie seguite e' passano da 1.895 nel 2016 a 1.805 nel 2017, a fronte di un incremento del valore dei prodotti distribuiti alle stesse: da 1,541 milioni euro nel 2016 a 1,664 milioni nel 2017. Il valore medio erogato per famiglia e' passato dai 815 euro del 2016 ai 922 dello scorso anno, con un minimo di 450 euro per le famiglie piccole e un massimo di 1.198 euro per i nuclei di grandi dimensioni. Rispetto al calo nel numero di famiglie assistite, Turrini ha evidenziato che "rappresenta un segnale positivo, ma mi sembra presto per parlare di vera e propria inversione di marcia per quanto riguarda la situazione economica delle famiglie pratesi".

In ogni caso, "il principale motivo, confermato dai centri di ascolto Caritas, e' che- prosegue la nota- la forte crisi di qualche anno fa sta cominciando ad allentare la sua morsa, soprattutto nei confronti dei nuclei familiari italiani". Il 48,1% delle famiglie sostenute dall'Emporio nel 2017 sono italiane, dato anch'esso in leggero calo rispetto al 2016 (50%) e ancor piu' in riferimento al 2015 (51,2%). Grazie alla mediazione del Centro di aiuto alla vita di Prato, sono state aiutate anche le neomamme: nel 2017 sono state attivate 227 tessere per un valore complessivo di circa 51mila euro. La provenienza delle mamme vede al primo posto la Nigeria (28%), poi il Marocco (24%), l'Albania (10%) e l'Italia (9%). (AGENSIR/DIRE)

© Copyright Redattore Sociale