30 novembre 2021 ore: 16:58
Società

La notte rossa dell'Arci, i circoli toscani si raccontano

Un vero e proprio grande evento diffuso, che torna con la sua quinta edizione dopo un anno di stop coinciso con le chiusure forzate delle nostre basi associative a causa del Covid

FIRENZE - Sabato 4 dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno rende omaggio ai circa 1.150 Circoli e associazioni affiliati alla più grande associazione culturale toscana, offrendo loro un’unica e grande cornice identitaria. Un vero e proprio grande evento diffuso, che torna con la sua quinta edizione dopo un anno di stop coinciso con le chiusure forzate delle nostre basi associative a causa del Covid, che oggi provano con non poche difficoltà a dare un segno importante di ripartenza.

 

Nella Notte Rossa così ogni Circolo Arci può raccontare le proprie attività con le modalità che gli sono proprie, nello spirito della nostra Associazione che accoglie e raccoglie istanze, modi di stare insieme e sensibilità diverse, ma sempre contrassegnate dai principi comuni della partecipazione, della cittadinanza attiva, della promozione della cultura e della solidarietà. Anche quest’anno sono stati circa 200 i Circoli e le associazioni che hanno aderito all’iniziativa della Notte Rossa, offrendo ai circa 150.000 soci e socie Arci nella nostra Regione l’opportunità di scegliere il proprio evento preferito, all’interno di un ricco cartellone di concerti, spettacoli e incontri sui temi attorno a cui le nostre volontarie e i nostri volontari costruiscono le attività dei circoli, rendendoli così presidi sociali e culturali straordinari.

 

“La Notte Rossa è la festa dell’identità e dell’orgoglio dei circoli Arci della Toscana – spiega il Presidente di Arci Toscana Gianluca Mengozzi - è il segno di una comunità che ha ripreso il suo cammino dopo uno stop durato troppo tempo. Il 4 dicembre in tutta la Toscana si diffonderà l’energia delle socie, dei soci, dei militanti che animano la nostra Associazione. Migliaia di persone di ogni età che si troveranno assieme in questa giornata per parlare all’intera Regione con i mille linguaggi diversi delle tante maniere di essere Arci, con i colori della festa e i suoni della musica, le parole della cultura, e i sapori della convivialità. La Notte Rossa dell’Arci di quest’anno riafferma il piacere di uscire di casa, di incontrarsi, di essere comunità, nelle tante diverse occasioni di stare insieme che i circoli di questa grande Associazione popolare di massa sanno costruire”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news