15 febbraio 2019 ore: 10:40
Famiglia

Mamma Paola, 4 figli e 200 litri di latte donato a chi non può allattare

E’ il grandissimo gesto di altruismo di Paola Cellai, una mamma fiorentina con quattro figli che ha donato una parte del proprio latte materno alla banca del latte dell’ospedale pediatrico Meyer
mamma paola - pezzo storni

FIRENZE – Oltre 200 litri di latte materno donati alle mamme che non possono allattare. E’ il grandissimo gesto di altruismo di Paola Cellai, una mamma fiorentina con quattro figli che, dopo la nascita degli ultimi tre figli, ha deciso di donare una parte del proprio latte materno alla banca del latte dell’ospedale pediatrico Meyer per permettere di allattare con latte naturale a tutte le mamme che sarebbero invece costrette ad allattare artificialmente. 

mamma paola - pezzo storni

Il meccanismo è semplice e permette di donare il proprio latte stando comodamente seduti in casa propria. L’ospedale pediatrico Meyer consegna alle donne che vogliono donare dei barattolini da 130 millilitri o 250 millilitri. “Attraverso un apposito tiralatte, riempio i barattolini con il latte in eccesso, poi li conservo in frigorifero per le prime 24 ore, poi li sposto nel congelatore. Ogni settimana i barattolini vengono ritirati, direttamente a casa mia, dagli operatori del Meyer”. 

Le banche del latte, che in Italia hanno cominciato la loro attività proprio all’ospedale Meyer di Firenze nel 1970, sono strutture sanitarie presenti in alcuni ospedali pubblici e hanno la funzione di assicurare una costante e adeguata disponibilità di latte umano donato per i lattanti con specifici problemi clinici, in particolare i neonati pretermine. Purtroppo non sempre i neonati che ne avrebbero più bisogno possono disporre in modo adeguato del latte delle loro madri. Per vari fattori che determinano elevati livelli di stress, alcune mamme hanno difficoltà di inizio e mantenimento della lattazione, motivo per cui è fondamentale la solidarietà delle donne che donano il proprio latte per creature che non sono le loro. 

La Toscana, grazie anche al coordinamento dell’assessorato regionale alla sanità, è la regione italiana che ha il maggior numero di banche: sono 6 e hanno sede ad Arezzo, (Ospedale San Donato), Firenze (AOU Meyer), Grosseto (Ospedale della Misericordia), Lucca (Ospedale San Luca), Siena (Policlinico Le Scotte), Lido di Camaiore (Ospedale della Versilia). 

Una sensibilità, quella di Paola, nata vedendo le amiche mamme che non potevano allattare: “Ho visto il loro grande dispiacere di non poter allattare naturalmente il proprio figlio, così ho deciso di donare il mio latte in eccesso. Il latte naturale è migliore di quello artificiale perché contiene più vitamine e sviluppa anticorpi più forti nel bambino. Molte donne pensano sia una perdita di tempo, in realtà attraverso piccoli sacrifici si fa un gesto molto importante”. 

 

© Copyright Redattore Sociale