20 maggio 2022 ore: 14:52
Economia

Rashed, guadagna tre euro l’ora e si ribella: cacciato dal titolare

La storia di un lavoratore bengalese in una pelletteria cinese di Campi Bisenzio. Lavora 12 ore al giorno, chiede al datore di lavoro rispetto ma lui lo manda via dalla casa che gli aveva concesso

FIRENZE - Si ribella alle condizioni di lavoro, il titolare cinese lo caccia di casa: è la storia denunciata da Rashed, 26 anni, bengalese, da tre anni operaio in una pelletteria a Campi Bisenzio (Firenze) gestita da cittadini cinesi. La vicenda è iniziata quando Rashed ha detto basta a lavorare 72 ore settimanali (12 ore al giorno tutti i giorni tranne la domenica) anziché le 40 del suo contratto, senza ferie né festività, con una paga inferiore a quella contrattuale: 3 euro all’ora. Quando ha comunicato al titolare della fabbrica di voler lavorare solo per le ore effettivamente pagate, questi gli ha intimato di andare via dalla casa dove lo faceva abitare gratuitamente in cessione di fabbricato. Rashed quindi si è rivolto, denunciando la situazione, alla Filctem Cgil che ha riportato quanto denunciato, facendo le dovute segnalazioni agli organi competenti e ha chiesto all’azienda di regolarizzare il posto di lavoro.

Oggi si è svolto un presidio di protesta della Filctem Cgil davanti all’azienda a Campi Bisenzio in via Nenni dalle ore 11 alle ore 12:30 (c’era anche Rashed, presente anche il sindaco Emiliano Fossi). «La situazione di Rashed non è isolata, nonostante il grande impegno e la collaborazione degli organi ispettivi territoriali che ringraziamo. In generale siamo preoccupati per le varie denunce di sfruttamento sul lavoro nei nostri territori. Con le controparti e le istituzioni dobbiamo far vivere i protocolli firmati sul tema e portare avanti insieme le buone pratiche per far emergere i casi, premiando chi ha il coraggio di denunciare», ha detto Alessandro Picchioni di Filctem Cgil. Rashed oggi ha presentato le dimissioni per giusta causa all’azienda e ci sono già alcune aziende che avrebbero mostrato interesse ad assumerlo.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news