24 novembre 2020 ore: 17:36
Società

Stop alla violenza sulle donne, si riunisce il tavolo tra Comune di Firenze e sindacati

Il 26 novembre l'incontro. L'obiettivo è quello di mettere in rete quanto Palazzo Vecchio da una parte, Cgil, Cisl e Uil dall'altra stanno facendo sulla prevenzione e il sostegno, ma anche per il reinserimento sociale e lavorativo delle vittime

FIRENZE - Si riunirà il 26 novembre il tavolo tra il Comune di Firenze e i sindacati per il contrasto della violenza sulle donne. L'obiettivo è quello di mettere in rete quanto Palazzo Vecchio da una parte, Cgil, Cisl e Uil dall'altra stanno facendo sulla prevenzione e il sostegno, ma anche per il reinserimento sociale e lavorativo delle vittime. "Il contrasto alla violenza di genere è una guerra che portiamo avanti ogni giorno" , spiega l'assessora a Diritti e Pari opportunità, Benedetta Albanese, che ha convocato il tavolo per giovedì, in videoconferenza. "Coordinare le azioni che Comune, associazioni, imprese e sindacati portano avanti su questo tema è importante per dare più forza alle numerose iniziative e per essere ancora più incisivi nell'azione di contrasto" e nell'aiuto alle vittime, aggiunge. Anche per l'assessore al Welfare, Sara Funaro, "l'unione delle forze è fondamentale per cercare di arrestare il drammatico e strutturale fenomeno della violenza sulle donne. Purtroppo dobbiamo prendere atto che con il lockdown e la pandemia, la violenza domestica sulle donne è aumentata. I dati mostrano un quadro preoccupante", per questo "è importante che ognuno di noi, per le proprie competenze, scenda in campo e agisca sui fronti del contrasto, della prevenzione e della tutela".

Nel periodo dell'emergenza sanitaria "la convivenza forzata in casa con mariti, fidanzati o padri violenti ha portato a un'escalation di violenza inaudita ed è pertanto indispensabile, oggi più che mai, fornire strumenti celeri ed efficaci per dare alle donne un canale per denunciare la violenza", sottolinea Cristina Serafini, della Uil Toscana. In questo quadro, aggiunge Erika Caparrini, della Cisl Firenze-Prato, "lavorare su un unico tavolo potenzia le azioni e crea nuove sinergie" per arginare un problema "che è molto presente anche nella nostra città". Ora "risulta fondamentale riunire il tavolo per avviare" una "rete di collaborazione e confronto continuo", conclude Cristina Arba, del coordinamento Donne Cgil Firenze. Intanto domani, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, le porte storiche della città e il loggiato dell'Istituto degli Innocenti alle 18 si illumineranno di rosso. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news