20 gennaio 2017 ore: 17:37
Non profit

Terremoto, 4 profughi portano aiuti a Norcia

Grazie all’iniziativa di Oxfam, porteranno aiuto alla popolazione colpita dal terribile sisma che ha devastato il Centro Italia lo scorso 30 ottobre
Terremoto norcia 26 ottobre

SIENA - David Abhuluimein, Emmanuel Kareem, Ibrahima Mendy, Muriba Traorè, accolti da Oxfam a Siena, arriveranno domani a Norcia per portare aiuto alla popolazione colpita dal terribile sisma che ha devastato il Centro Italia lo scorso 30 ottobre. Sono arrivati in Italia, dopo essere fuggiti da guerra e povertà nel proprio paese e aver attraversato il Mediterraneo, affrontando lunghi e pericolosissimi “viaggi della speranza”.  

Grazie alla collaborazione con l’associazione Pubblica Assistenza di Siena, potranno lavorare al fianco dei tanti sfollati costretti ad affrontare l’inverno nelle strutture temporanee allestite dalla Protezione Civile a Norcia per far fronte all’emergenza.

Dalla preparazione di pasti caldi nelle mense allestite nella città umbra, a tutte le diverse mansioni quotidiane necessarie a sostenere la popolazione, sono tante le attività in cui i quattro ragazzi arrivati in Italia da Mali, Nigeria e Senegal saranno coinvolti, come parte di un percorso di integrazione che già li ha visti prendere parte ad attività di volontariato e formazione linguistica e professionale. 

“Oxfam, oltre ad essere al lavoro nelle zone del Centro Italia colpite dal terremoto, è impegnata da anni in Toscana nel realizzare un modello diaccoglienza diffusa, che coinvolge oltre 230 migranti nelle province di Siena, Arezzo, Firenze e Livorno e che ha come obiettivo principale il pieno inserimento dei richiedenti asilo in Italia. – spiega Federico Saracini responsabile dell’accoglienza a Siena per Oxfam Italia -  Questa iniziativa di portare alcuni dei migranti, già impegnati ogni giorno a Siena in attività di volontariato, in aiuto di chi ha subito il dramma del terremoto rappresenta un ulteriore, fondamentale passo in avanti nella costruzione di un processo di integrazione concreto”.

 

© Copyright Redattore Sociale