Salute

Il Meyer “diventa più grande per i più piccoli': al via la campagna

Un nuovissimo centro ambulatoriale per accogliere i bambini che entrano in ospedale per controlli e visite specialistiche: sarà questo il Parco della Salute. Uno spazio di 5000 metri quadrati, immerso nel verde

ROMA - Un nuovissimo centro ambulatoriale, per accogliere i bambini che entrano in ospedale per controlli e visite specialistiche: sarà questo il Parco della Salute, uno nuovo spazio di 5000 metri quadrati, immerso nel verde, destinato a rivoluzionare il concetto di assistenza ambulatoriale dei piccoli pazienti: il nuovo centro ospiterà infatti in un'unica struttura l'attività specialistica diurna, il punto prelievi, il centro donatori sangue, il servizio di diagnostica e la nuova Psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza.

Per contribuire alla campagna "Il Meyer diventa più grande per i più piccoli"- che ha come testimonial d'eccezione il conduttore Carlo Conti, da sempre sostenitore dell'ospedale pediatrico fiorentino- si può donare con un sms o chiamata da rete fissa al numero solidale 45594 dal 17 febbraio all'1 marzo 2020. Si tratta di un progetto innovativo di day service che permetterà a bambini e ragazzi di usufruire di diverse prestazioni, su patologie specifiche, in un'unica giornata. Gli ambulatori saranno divisi per aree omogenee, ognuna con spazi di attesa dedicati, confortevoli e attrezzati per mettere a proprio agio i piccoli pazienti grazie soprattutto alla "filosofia del Meyer", dove il gioco è una grande risorsa antistress e di rassicurazione per i bambini. Gli ampi spazi interni, circondati da un'area verde di circa 4 ettari, oltre all'attività ambulatoriale diurna, saranno destinati ad accogliere il nuovo reparto di Psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza dell'Ospedale Meyer dove verranno trattate alcune delle principali patologie neuropsichiatriche: disturbi dell'alimentazione (bulimia, anoressia), scompensi adolescenziali, disturbi della personalità, disturbi post-traumatici e dell'umore, oltre alla Adhd, al ritardo mentale e ai disturbi dello spettro autistico. Così in un comunicato l'Ospedale Meyer di Firenze.

In questo nuovo reparto, l'attività di assistenza verrà svolta tramite il day hospital, il ricovero (grazie ai posti letto della clinica), le visite ambulatoriali e le consulenze per i pazienti, sia esterni che interni. I vantaggi offerti dalla nuova struttura saranno notevoli: oltre al potenziamento dell'attività di prevenzione, ci sarà la possibilità di effettuare diverse prestazioni in un'unica giornata grazie a un approccio multidisciplinare tramite uno staff di 7 medici neuropsichiatri, 2 psicologhe, 3 dietiste, un educatore, 14 infermieri e 6 operatori socio sanitari. Completare i lavori di questo nuovo centro è, dunque, l'obiettivo della campagna lanciata dalla Fondazione Meyer a cui si si può contribuire con un sms dal 17 febbraio al 1° marzo 2020. Si possono donare 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. 5 euro, invece, per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile e 5 o 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

Ospedale pediatrico Meyer di Firenze fa parte del Servizio sanitario della Regione Toscana ed è integrato con l'Università degli Studi del capoluogo toscano. Si caratterizza per le attività di diagnosi, assistenza e riabilitazione rivolte ai piccoli pazienti: dai neonati agli adolescenti che non hanno ancora raggiunto la maggiore età. Con i suoi 250 posti letto multi-specialistici, il Meyer è un ospedale pediatrico di terzo livello ed è un centro di riferimento nazionale per l'elevata complessità pediatrica. La struttura, collocata ai piedi delle colline fiorentine, è circondata da un parco di tre ettari e tutta l'architettura del complesso ospedaliero è stata concepita e realizzata a misura di bambino. A disposizione dei piccoli pazienti, ci sono le tecnologie più moderne e un'intensa attività di ricerca finalizzata al raggiungimento dei più alti livelli assistenziali, ma anche un contesto di umanizzazione e di servizi di accoglienza per le famiglie e i bambini: tra i nostri pazienti, uno su quattro arriva da fuori Toscana.

L'Ospedale pediatrico registra 33 mila ricoveri l'anno, tra ordinari e day-hospital, ai quali si aggiungono più di 7 mila interventi chirurgici, circa 700 mila prestazioni ambulatoriali e 44 mila accessi di pronto soccorso. Forte è l'impegno che l'ospedale Meyer realizza in ambito scientifico, investendo nei vari ambiti pediatrici, sostenendo i suoi giovani ricercatori e collaborando ai più avanzati e accreditati network internazionali (www.meyer.it).

Il Meyer ha avviato un importante piano di sviluppo, Meyerpiu', destinato a cambiare, nell'arco di tre anni, il suo volto: sarà una trasformazione radicale quella che porterà l'Ospedale fiorentino dedicato ai bambini ad allinearsi alle realtà più avanzate a livello mondiale in ambito pediatrico. La crescita del Meyer riguarderà tre aree distinte, ma interdipendenti: l'Ospedale, che sarà sempre più destinato ai ricoveri e alla cura delle patologie ad alta complessità, il Meyer Health Campus, cuore della formazione e della didattica, e il Parco della Salute, una struttura che accoglierà la Psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, gran parte delle attività ambulatoriali e i Day Hospital medici. Il Family Center Anna Meyer si inserisce in questo piano di espansione. (www.meyerpiu.it ). Fondazione Meyer Onlus nasce come supporto all'attività di comunicazione, marketing e raccolta fondi per l'ospedale pediatrico fiorentino. Grazie alla sua mirata attività di fundraising, possono essere sostenuti progetti scientifici e di aggiornamento tecnologico di importanza strategica per la continua crescita scientifica ed assistenziale dell'ospedale (www.fondazionemeyer.it).

Il Meyer per Amico 2020. Come ogni anno la Fondazione dell'Ospedale pediatrico Meyer organizza- sabato 22 febbraio- Il Meyer per Amico2020", una giornata a "porte aperte" dell'ospedale in cui oltre 7mila persone festeggeranno assieme incontrando personaggi famosi "amici del Meyer", partecipando a laboratori e giochi per celebrare il compleanno dell'ospedale fiorentino. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale