I Numeri

Mai sequestrata così tanta cocaina in Italia, crescono ancora i decessi per overdose e preoccupa la diffusione delle nuove sostanze psicoattive. È quanto riporta la Relazione al Parlamento 2020 (con dati riferiti al 2019) pubblicata dal Dipartimento politiche antidroga
Finito l'effetto emergenza Covid-19 che aveva determinato una brusca riduzione dei numeri dei detenuti. I dati del 31 ottobre 2020 parlano di 54.868 detenuti presenti nei penitenziari, contro una capienza regolamentare degli istituti di 50.553 posti. Gli stranieri sono 17.713 mila. Oltre 2,3 mila le donne detenute
Gli ultimi dati forniti dall’Istat fanno il punto soltanto fino al 2018 e mostrano ritmi di crescita rallentati per quanto riguarda l’incremento dei dipendenti del settore. È il Nord Est a guidare la classifica delle regioni con un maggiore incremento di dipendenti nel non profit tra il 2017 e il 2018. Resta il punto interrogativo sull’impatto del Covid-19
Era stata presentata dal governo come misura d’urgenza, ma tra difficoltà e proroghe, al 30 giugno (iniziale termine per le domande) le persone raggiunte dalla misura sono circa un quarto di quelle che si volevano raggiungere. Ecco cosa dicono i nuovi dati presentati dall’Inps
Dopo il costante calo da marzo a maggio 2020, i numeri di fine giugno fanno segnare un’inversione di tendenza rispetto al periodo dell’emergenza. Oltre 53,5 mila i detenuti nelle carceri italiane. Capienza regolamentare ferma sui 50,5 mila
Diminuiscono le persone in povertà assoluta in Italia. Dopo una crescita inarrestabile, nel 2019 i dati dell'Istat mostrano un'inversione di tendenza. Tra il 2017 e il 2018 registrato il picco rispetto ai dati raccolti dal 2005. Nella scheda l'analisi dei dati Istat e i grafici per comprendere meglio l'evoluzione della povertà nel nostro Paese 
Pubblicati oggi i dati Istat sui consumi di bevande alcoliche nella popolazione italiana dagli 11 anni in poi. Nelle tabelle, il confronto con i consumi degli ultimi dieci anni (dal 2009 al 2019). Diminuiti i consumi tra i minorenni
I dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria aggiornati al 31 maggio parlano di 53.387, contri i 61.230 del 29 febbraio scorso. Mai così vicini ai dati della capienza regolamentare. Diminuiscono anche i detenuti stranieri
Ha reagito alla crisi economica di inizio millennio con un aumento di realtà e raddoppiando il numero dei dipendenti, ma per il non profit italiano stavolta è diverso e sarà difficile confermare i trend positivi registrati negli ultimi anni. Ecco alcuni dati e le preoccupazioni degli esperti
Torna sotto quota 60 mila il numero di presenze in carcere. Diverse le ragioni: motivi sanitari dovuti al contagio, maggior ricorso ai permessi e esecuzione della pena presso il proprio domicilio. Giù anche i reati. Il Dap: “Riduzione degli arresti in flagranza”
10 focus di 25 totali
carica altro