I Numeri / Giustizia

Aggiornamento al 30 giugno 2021 con i nuovi dati del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. Stabile in numero dei detenuti nei primi sei mesi del 2021. Nei penitenziari italiani ci sono 53.637 persone contro una capienza regolamentare di 50.779 posti. Gli stranieri sono 17 mila, mentre 2,2 mila le donne detenute
Grazie alle maggiori risorse destinate negli ultimi anni, il numero dei detenuti alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria è aumentato. Meno bene è andata per i detenuti alle dipendenze di datori di lavoro esterni, a causa della pandemia da Covid-19
I numeri salgono e scendono e le riforme normative provano a migliorare la qualità di vita nel “superiore interesse del minore”. Da tempo le associazioni, che si occupano del tema, sollecitano una riflessione sulla realtà dei minori che crescono in istituto con le madri e chiedono alla politica di intervenire. Al 31marzo 2021 i bambini sono 28 e 26 le mamme
Dopo il costante calo da marzo a maggio 2020, i numeri di fine giugno fanno segnare un’inversione di tendenza rispetto al periodo dell’emergenza. Oltre 53,5 mila i detenuti nelle carceri italiane. Capienza regolamentare ferma sui 50,5 mila
I dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria aggiornati al 31 maggio parlano di 53.387, contri i 61.230 del 29 febbraio scorso. Mai così vicini ai dati della capienza regolamentare. Diminuiscono anche i detenuti stranieri
Secondo gli ultimi dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria aggiornati al 31 dicembre 2019 nelle carceri italiane ci sono 60.769 detenuti contro una capienza regolamentare degli istituti di 50.688 posti. In calo gli stranieri: sono 19,9 mila. Oltre 2,6 mila le donne detenute