12 novembre 2020 ore: 15:13
Economia
paola profetaok

Ricostruzione post-Covid: ripartiamo dall'uguaglianza di genere

Paola Profeta, docente della Bocconi: “L'Italia fanalino di coda in Europa sulla questione dell'occupazione femminile. Ora la questione si è aggravata, il 55% dei posti di lavoro persi, a causa del covid, riguarda le donne”. A Fa' la cosa giusta! intervento su “Lo sguardo delle donne sul domani”
12 ottobre 2020 ore: 14:13
Famiglia
bambino alla finestra con mascherina

"I bambini sono sempre gli ultimi, anche nella pandemia". Le 9 proposte di Daniele Novara

“Ci siamo dimenticati dei bambini” e bisogna correre ai ripari. Nell'ultimo libro del pedagogista, in uscita domani, la storia dell'infanzia degli ultimi decenni, fino al lockdown: nella protezione che diventa privazione, il bambino che disturba diventa “disturbato”. Nove idee per una nuova “alleanza tra generazioni"

10 ottobre 2020 ore: 10:00
Salute
Vinicio Albanesi 3

Giornata salute mentale, "l’attenzione vada ai giovanissimi"

La trasgressività e l’arroganza dei minori sono grida di aiuto. La famiglia, la scuola, le agenzie educative sono indispensabili ma hanno bisogno di essere incoraggiate e guidate. Siamo chiamati a indicare una strada futura e a inventare nuove risorse
di Vinicio Albanesi
1 ottobre 2020 ore: 15:04
Salute
anziano e robot

Covid e assistenza agli anziani, “i robot non possono sostituire il caregiver”

Parla il sociologo Pierpaolo Donati: “Molti si chiedono se i robot possano diventare i nuovi infermieri e addirittura i nuovi amici degli anziani, soprattutto durante la pandemia. Io dico di no: sanno fare tante cose, ma non danno identità e dignità perché non sono empatici”
12 maggio 2020 ore: 14:00
Welfare
Margherita Caprilli pacchi-alimentari-associazione-yabasta-bologna

Sussidiarietà non fa rima con solidarietà

Una riflessione sul welfare in tempi di emergenza Covid-19. Il Comune di Bologna, e più in generale tutte le istituzioni, stanno delegando “alla brava gente” la tenuta del welfare cittadino?
di Alessandro Blasi – Associazione YaBasta Bologna!
12 maggio 2020 ore: 13:29
Società
Vinicio Albanesi 3

"I molti contro i pochi, i forti contro i deboli, i vivi contro i morti"

Capiremo presto in cosa consiste, nella pratica, la fase 2 del coronavirus. Difficile dire quale sia l’equilibrio da seguire. Lo scenario suggerisce due schieramenti: da una parte i vivi e i forti, dall’altra il silenzio dei morti e degli infettati
di Vinicio Albanesi
2 maggio 2020 ore: 09:00
Salute
Vinicio Albanesi 4

Se sei troppo malato e vecchio non sarai curato. Ma è giusto selezionare?

Cosa dicono le Raccomandazioni di anestesisti e rianimatori? Se si determina uno squilibrio tra risorse disponibili (posti letto) in terapia intensiva occorre privilegiare “la maggior speranza di vita”. La discriminazione è tra curare e guarire. Si sono impossessati di un diritto che non è loro, la vita è preziosa fino all’ultimo istante
di Vinicio Albanesi
26 aprile 2020 ore: 09:00
Immigrazione
© Stefano Dal Pozzolo Vinicio affacciato alla finestra

Il Covid-19? Prima ha portato malattia e morte, ora scatena la lotta al cibo

Recentemente è stata riscoperta la presenza di immigrati irregolari, non certo per pietà, solidarietà, rispetto di diritti, ma semplicemente perché la catena alimentare potrebbe incepparsi. Ma i 200 mila necessari a procurarci frutta e verdura (a prezzi bassi) nel frattempo sono fermi in baracche malsane, ammassati, senza acqua e fogne...
di Vinicio Albanesi
23 aprile 2020 ore: 11:00
Società
© Stefano dal Pozzolo Vinicio Albanesi sul viale di Capodarco

La "fase 2" curi anche i deboli. E chi riapre sia utile per sé e per gli altri

E’ iniziato il tam tam del dopo quarantena, ognuno ha mille ragioni da vendere per chiedere di ricominciare. Già si delineano i forti e i deboli. Speriamo che la riapertura tenga conto di tutto e non assomigli al "bosco ceduo". La grande discussione è tra la morte e la fame
21 aprile 2020 ore: 11:00
Società
© Stefano dal Pozzolo Vinicio Albanesi - in chiesa

"Non si vive di solo pane": voglia di riapertura, anche per le chiese

Nello slancio di ricominciare con le riaperture dopo la quarantena, anche i vescovi e i parroci hanno chiesto al governo di riaprire le chiese. La loro chiusura non mi ha procurato una grande tragedia. L’unico vero dispiacere è non aver potuto celebrare le esequie di tre persone morte
di Vinicio Albanesi

10 articoli di 104 totali
carica altro