:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alzheimer, in mostra le mani degli anziani (che sanno ancora fare)

Un’esposizione di fotografie che immortalano le mani degli anziani ospiti nella Rsa Le Civette. E’ il progetto promosso dal Comune di Bagno a Ripoli insieme ad Aima Firenze

03 maggio 2018

“Le mani sanno ancora fare” - mostra

- FIRENZE – Mani che suonano il piano, mani che cuciono e disegnano la trama di un ricamo, mani che si stringono in segno di affetto, in un abbraccio. Sono quelle degli anziani pazienti della Rsa fiorentina “Le Civette”, immortalate in una serie di scatti che da domani venerdì 4 maggio saranno in mostra alla Biblioteca comunale di Bagno a Ripoli (via di Belmonte 38): l'inaugurazione si svolgerà alle 15.30 alla presenza del sindaco Francesco Casini nell'ambito di una giornata di iniziative interamente dedicata al tema dell'Alzheimer, patologia che interessa gran parte dei protagonisti dell'esposizione.

“Le mani sanno ancora fare”. E’ questo il titolo della rassegna fotografica, in programma fino al 19 maggio, organizzata dal Comune di Bagno a Ripoli insieme ad Aima Firenze, la cooperativa sociale Nomos e con il patrocinio della Azienda Usl Toscana Centro. Ad ideare la mostra, che dopo la Biblioteca comunale farà tappa nelle Rsa del territorio ripolese a partire dalla residenza “Masaccio”, sono state tre operatrici della Rsa “Le Civette”: l'assistente sociale Beatrice Rovai, la coordinatrice della residenza per anziani Angela Bartoli (autrici degli scatti), e la coordinatrice del centro diurno Alzheimer Iole Zilli (autrice di alcune parole che accompagnano le immagini).

“Le mani sanno ancora fare” - mostra 2

Una trentina gli scatti in esposizione, raffiguranti una decina di soggetti. O meglio, le loro mani. Intente a dipingere, piene di colori, “armate” di uncinetto, oppure alle prese con i tasti di un pianoforte o con un tamburello. Mani di anziani in gran parte disabili o affetti da demenza, ma ciononostante ancora abili nello svolgere piccole attività quotidiane, mani – come dice il titolo – che “ancora sanno fare”. Una sezione della mostra è dedicata alla mani che esprimono sentimenti, ai gesti di affetto: ecco allora dita che si intrecciano, o uno struggente abbraccio ad una bambola.

“Il progetto – spiegano le ideatrici - è nato osservando gli anziani ospiti della Rsa, divisi equamente tra uomini e donne, durante le attività ricreative come l'arte-terapia e la musico-terapia. Ci siamo rese conto che, nonostante la disabilità e la mancanza di cognizione di alcune persone, le loro mani continuavano a saper fare. Le abbiamo volute ritrarre così, mentre suonano o svolgono lavori manuali, come se andassero da sole, quasi in automatico, memori di attività che hanno fatto per tutta la vita e continuano a fare a dispetto della malattia, come rammendare una calza o cucire”.

“Le mani sanno ancora fare” - mostra 3

“Ospitiamo questa mostra con vero piacere – dicono il sindaco Francesco Casini e la vicesindaca con delega al sociale Ilaria Belli -. Diventa sempre più importante nella nostra società affrontare il tema delle malattie degenerative come l'Alzheimer che cambiano per sempre la vita non solo della persona che ne è colpita ma dell'intera famiglia, con costi umani e sociali enormi. Fondamentale lavorare sulla prevenzione e l'informazione e anche una mostra come questa può dare indicazioni su come affrontare la malattia. Imprescindibile anche il coinvolgimento delle Rsa del territorio con cui sullo stesso tema affronteremo a breve nuovi importanti progetti”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa