10 luglio 2017 ore: 16:34
Società

Giornalismo, nascono l'associazione Leviti e il premio cronisti under 30

"Il nostro lavoro e' verita'". E' su questa testimonianza di Letizia Leviti, la giornalista di Sky scomparsa prematuramente nel luglio del 2016, che e' nata l'associazione che porta il suo nome. La prima iniziativa dell'associazione sara' il premio ...

"Il nostro lavoro e' verita'". E' su questa testimonianza di Letizia Leviti, la giornalista di Sky scomparsa prematuramente nel luglio del 2016, che e' nata l'associazione che porta il suo nome. La prima iniziativa dell'associazione sara' il premio Letizia Leviti, istituito con il patrocinio del Comune di Firenze, per valorizzare quei cronisti che, attraverso il loro lavoro, avranno rappresentato al meglio il messaggio di Letizia: onesta' intellettuale, trasparenza nell'indagine, cura del linguaggio, chiarezza espositiva. Il 21 luglio a Palazzo Vecchio a Firenze, saranno proclamati i vincitori nelle categorie carta stampata, tv, web, giovani under 35. La giuria del premio sara' composta da Emilio Carelli, fondatore di Sky Tg24 ed ex direttore della testata, e da altri nomi d'eccezione: Paolo Mieli, Paolo Graldi, Mario Orfeo, Giovanna Lio, Giuseppe Benelli e Giovan Battista Varoli.

A gennaio 2018, sara' online il bando del premio Letizia Leviti Under 30 per giornalisti non ancora assunti che non hanno compiuto i 30 anni d'eta'. A decretare i vincitori, a luglio del prossimo anno, cinque giovani cronisti da tutta Italia. In palio, tre stage nella redazione di Sky per coloro che avranno saputo raccogliere l'esempio di verita' di Letizia. Nel 2018, anche un premio "alla carriera" per i giovani che sapranno raccontare la propria esperienza di giornalisti, attraverso sacrifici e difficolta', investimenti, speranze, conquiste, dubbi e soddisfazioni. Volutamente intitolato "alla carriera" proprio per affermare la centralita' della qualita' professionale nei giornalisti delle nuove generazioni.

L'associazione Letizia Leviti e' nata per iniziativa di Giovan Battista Varoli, Dario Nardella, Emilio Carelli, Pier Luigi Berdondini, Giovanna Lio, Eva Giovannini, Tonia Cartolano, Andrea Bonini, Beatrice Gambineri, Yehezkel Yerushalmi, Sergio Maria Lotito, Cosimo Maria Ferri e Gianni Bisiach.

"Ho sostenuto questo progetto come sindaco e come amico di Letizia- sottolinea il primo cittadino Dario Nardella-, perche' la finalita' e' chiara: guardare alle nuove generazioni e promuovere i valori, i metodi e i principi in cui Letizia, una grande giornalista toscana, ha sempre creduto. Come ha detto Letizia, raccontare la verita' facendolo con grande rispetto dei cittadini. Perche' il giornalismo puo' e deve aiutare le comunita' a crescere". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario