24 gennaio 2022 ore: 12:29
Società

Qatar, “condizioni umanitarie catastrofiche nel paese dei Mondiali di calcio”

L'Associazione per i popoli minacciati avverte i responsabili politici dell'Unione europea di non lasciarsi strumentalizzare dai governanti del Qatar. “Sarebbe un segnale fatale se le molte violazioni dei diritti umani e le migliaia di lavoratori ospiti morti nei cantieri in Qatar non venissero discusse”
Paesaggio di Doha, Quatar
BOLZANO - L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) avverte i responsabili politici dell'Unione europea di non lasciarsi strumentalizzare dai governanti del Qatar. “Sarebbe un segnale fatale se le molte violazioni dei diritti umani e le migliaia di lavoratori ospiti morti nei cantieri in Qatar non venissero discusse e riportate in relazione alla Coppa del Mondo 2022 – afferma l’Associazione -. Quando i politici parlano acriticamente delle loro meravigliose esperienze in Qatar nei social media, creano un'impressione completamente falsa della dura realtà del paese. Tali dichiarazioni sono una pubblicità spudorata per uno stato che tratta migliaia di lavoratori stranieri come schiavi del lavoro”.

Inoltre, continua l’Associazione per i popoli  inacciati, “il Qatar sostiene da anni gruppi islamici radicali in tutto il mondo, contrariamente alle smentite di chi è al potere. Forse il governo del Qatar non ha sostenuto direttamente il cosiddetto 'Stato Islamico', ma lo ha fatto attraverso altri gruppi islamisti radicali in Siria, Iraq, Libia, Afghanistan e altrove. Il Qatar come anche la Turchia sostengono apertamente il Fronte Nusra, la propaggine di Al-Qaeda in Siria. I gruppi islamici pro-Qatariani incitano apertamente contro gli ebrei e Israele. Queste milizie radicali perseguitano Yezidi, cristiani, drusi, curdi, armeni, assiri / aramaici / caldei, aleviti, copti, mandei e altre minoranze in Medio Oriente. Gli islamisti sono spesso finanziati dal Qatar. Nel caso della Siria, questi aiuti passano attraverso la Turchia. Il membro della Nato serve come paese di transito sia per gli aiuti finanziari che per le armi e i combattenti islamici”.

Secondo Brett H. McGurk, ex rappresentante speciale degli Stati Uniti per l'Alleanza internazionale contro lo Stato islamico (IS), i diplomatici statunitensi hanno trascorso la maggior parte del loro tempo in Turchia, perché la maggior parte del materiale per la macchina da guerra dell'IS entrava in Siria da lì. McGurk e il segretario alla difesa americano James Mattis si sono dimessi nel dicembre 2018 anche per protestare contro i rapporti degli Stati Uniti con le milizie islamiste sostenute da Qatar e Turchia.
Anche le minoranze religiose nello stesso Qatar sono perseguitate – ricorda l’Apm -, poiché non c'è una vera libertà di credo. I credenti cristiani ‘stranieri’, per lo più lavoratori ospiti, sono autorizzati a incontrarsi, ma solo in certi luoghi fuori dalla capitale Doha. La costruzione di chiese è strettamente sorvegliata. Come in molti paesi a maggioranza musulmana, sono soprattutto i cristiani convertiti ad essere perseguitati, che siano di lunga data o immigrati. Queste persone sono anche discriminate dalla loro stessa famiglia o dai loro vicini”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news