22 aprile 2024 ore: 11:51
Società

Gaza. Save the Children, mai così tanti attacchi contro sanità in un conflitto

In sei mesi di guerra sono stati almeno 435 gli attacchi contro strutture o personale sanitario in tutta Gaza: una media di 73 attacchi al mese. Il dato più alto in confronto a tutti i Paesi devastati dalla guerra dal 2018 a oggi, inclusa l'Ucraina
@Medici senza frontiere La catastrofe umanitaria a Gaza, foto di Medici Senza Frontiere

ROMA - A Gaza il tasso di attacchi mensili all'assistenza sanitaria dall'inizio della guerra è stato più alto che in qualsiasi altro recente conflitto a livello globale.

In sei mesi di guerra, tra il 7 ottobre 2023 e l'inizio di aprile 2024, sono stati almeno 435 gli attacchi contro strutture o personale sanitario in tutta Gaza: una media di 73 attacchi al mese, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). È il dato più alto in confronto a tutti i Paesi devastati dalla guerra dal 2018 a oggi, inclusa l'Ucraina, al secondo posto con 67 attacchi all'assistenza sanitaria al mese, e la Repubblica Democratica del Congo, con una media di 11. Lo riferisce in una nota l'organizzazione Save the Children.

Gli attacchi all'assistenza sanitaria nei Territori palestinesi occupati non si sono limitati a Gaza: negli ultimi sei mesi, 369 attacchi sono stati segnalati anche nella Cisgiordania occupata. Tra questi, si sono verificati 302 ostacoli all'accesso ai servizi sanitari e l'uso della forza all'interno delle strutture sanitarie. Sei mesi di continui bombardamenti, assedi e ostacoli alla consegna degli aiuti hanno annientato il sistema sanitario di Gaza. Solo 11 ospedali su 36 sono parzialmente funzionanti e l'Ufficio centrale palestinese di statistica (Pcbs) ha riferito che circa 350 mila persone affette da malattie croniche a Gaza non sono in grado di accedere a medicinali, forniture e servizi vitali.

L'Unità sanitaria di emergenza di Save the Children sta attualmente assistendo bambine e bambini attraverso un ospedale da campo recentemente creato da un partner a Rafah, che offre assistenza sanitaria di base a oltre 200 persone al giorno, il 40% delle quali bambini. "Recentemente abbiamo assistito all'arrivo di bambini provenienti da altri ospedali con ferite e arti amputati, che spesso necessitano di trapianti e di operazioni multiple. Quando i bambini devono sottoporsi a una procedura per salvare l'arto ed evitare l'infezione, siamo costretti a farlo dando meno antidolorifici di quelli che useremmo normalmente. Quindi porto fumetti e mostro giochi sul mio telefonino per distrarli, ma la realtà è che molte di queste procedure richiedono molti farmaci. Tutto questo sta causando un'enorme sofferenza, che si somma al danno psicologico a lungo termine- ha dichiarato Becky Platt, infermiera pediatrica dell'ospedale- Abbiamo curato un bambino di 10 anni che aveva delle schegge nella coscia che gli avevano frantumato il femore. Ha avuto forti danni a muscoli e tessuti, quindi aveva bisogno di un innesto cutaneo e anche un fissatore esterno sulla gamba. Ha subito diverse operazioni, ma era così angosciato dall'aspetto della sua gamba che non riusciva nemmeno a guardarla. piangeva silenziosamente, era straziante. Ma questa, purtroppo, è una storia fra le tante. I bambini sono psicologicamente distrutti da tutto quello che è successo".

I medici di Gaza raccontano che gran parte dei loro interventi chirurgici riguardano i bambini e che la mancanza di cibo disponibile spesso comporta il fatto che i pazienti non siano abbastanza forti per guarire adeguatamente o combattere le infezioni. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, almeno 28 bambini sono già morti a causa della malnutrizione e della disidratazione. "Vediamo infezioni respiratorie acute, casi di malnutrizione, scabbia, epatite A. Ho visto più ittero nelle ultime due settimane che in tutta la mia carriera- ha dichiarato il dottor Simon Struthers, pediatra dell'ospedale da campo di Rafah- Trattiamo molti bambini affetti da gastroenterite acuta, che si diffonde attraverso le feci. Il lavaggio delle mani ridurrebbe questo fenomeno, ma ora tutti sono sfollati e vivono in tende e, sfortunatamente, il sovraffollamento e la mancanza di servizi igienici o di acqua pulita aumentano i rischi. I problemi pediatrici cronici sono estremamente impegnativi, per esempio la paralisi cerebrale o malattie simili che non possono essere curate. Tutto è in pausa, comprese le operazioni di routine", ha spiegato, aggiungendo che la mancanza di medicinali come creme steroidee e pomate antibiotiche ostacola il trattamento di malattie semplici.

La mancanza di sicurezza è un altro elemento che impedisce l'accesso ai servizi sanitari. Le forze israeliane hanno colpito ambulanze, convogli di aiuti medici e strade di accesso, gli ospedali sono diventati campi di battaglia e l'Oms ha affermato che tra metà ottobre e la fine di marzo, oltre la metà delle loro missioni a Gaza sono state negate, ritardate, impedite o rinviate. Il dottor Struthers ha aggiunto: "Non possiamo correre rischi e dobbiamo stare attenti alla strada che prendiamo, a causa di quello che sta succedendo e abbiamo paura di ciò che faranno le forze israeliane, mentre invece la popolazione locale che ci sostiene molto. Ci vengono costantemente ricordati i rischi e il nostro staff trascorre le serate imparando come utilizzare le medicazioni traumatologiche e i lacci emostatici nel caso in cui siano necessari".

"Dopo sei mesi di orrore inimmaginabile, il sistema sanitario di Gaza è stato messo in ginocchio- ha dichiarato Xavier Joubert, Direttore di Save the Children nei Territori palestinesi occupati- Gli operatori sanitari rischiano quotidianamente la vita per dare alle bambine e ai bambini palestinesi una possibilità di sopravvivenza. I continui attacchi all'assistenza sanitaria sono semplicemente ingiustificabili e devono finire. I bambini palestinesi devono avere libero accesso ai servizi, compresa l'assistenza sanitaria e l'istruzione".

Save the Children fornisce servizi essenziali e sostegno ai bambini palestinesi colpiti dal conflitto in corso dal 1953. Il team di Save the Children nei Territori palestinesi occupati lavora 24 ore su 24, con forniture vitali per sostenere le persone bisognose e lavorando per garantire l'assistenza a Gaza.

(DIRE)
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news